myAudi
Audi R8 green hell

Audi R8 green hell

Solo 50 esemplari in edizione limitata per la supercar Audi dal dna sportivo.

Audi R8 green hell nasce per celebrare i 5 successi dal 2012 dell'Audi R8 LMS alla 24 Ore del Nürburgring sul leggendario tracciato del Nordschleife, soprannominato "inferno verde" per le straordinarie difficoltà tecniche e ambientali.

Viene prodotta nel sito d’eccellenza “Böllinger Höfe”, nelle immediate vicinanze dello stabilimento di Neckarsulm, sede centrale Audi Sport. È qui che, con metodi di lavorazione in ampia misura artigianali, vengono realizzate le supercar e le vetture da competizione della famiglia Audi R8. Una vicinanza che permette un transfer tecnologico costante dalla pista alla strada.

Il nostro Brand è sinonimo di prestazioni straordinarie, tanto per i modelli di serie quanto in ambito sportivo. La supersportiva Audi R8 e la racing car Audi R8 LMS sono state concepite e sviluppate congiuntamente: oltre il 50% dei componenti sono identici. La versione celebrativa green hell sottolinea ulteriormente la vicinanza di Audi R8 al Motorsport e allo stesso tempo costituisce un omaggio alle vittorie Audi al Nürburgring.

Julius Seebach

AD di Audi Sport GmbH

Lo stretto legame tra tra la supercar dei quattro anelli e l’auto da corsa è evidente. La tinta carrozzeria è un’esclusiva variante scura del verde Tioman che richiama l’atmosfera boscosa della “Nordschleife”, ma è disponibile anche nelle tinte bianco Ibis, grigio Daytona e nero Mythos.

Audi R8 Green Hell

Cofano, montanti anteriori, tetto e coda sono caratterizzati da una pellicola nera opaca ispirata alle vetture da competizione. Lungo i pannelli porta presenta il numero identificativo della vettura, evocativo delle numerazioni utilizzate in gara. In nero opaco anche i “sideblade” laterali, così come lo splitter anteriore, i gusci degli specchi retrovisori, l’alettone posteriore fisso ed i “Quattro anelli” Audi.

Tra i dettagli particolari anche i cerchi da 20 pollici con finitura nero opaco e accenti rossi. Completano il suo look le scritte “Green Hell R8” in nero lucido lungo le “minigonne” laterali e sulla parte superiore del parabrezza.

Interni esclusivi da vera sportiva

Audi R8 green hell propone degli avvolgenti sedili a guscio con poggiatesta, fianchetti e parte esterna delle sedute rivestiti in pelle Nappa nera con cuciture a contrasto in verde Kailash,mentre le fasce centrali sono in alcantara nero. Dettagli che si estendono alla corona del volante, forte del marcatore rosso a ore 12 d’estrazione racing, alla palpebra della strumentazione, ai poggiabraccia in corrispondenza dei pannelli porta, alle protezioni per le ginocchia lungo le sezioni laterali della console e al bracciolo centrale.

Le cuciture a contrasto in verde Kailash vanno ad impreziosire anche la plancia, il selettore della trasmissione, i listelli alla base dei finestrini, gli inserti nei rivestimenti delle portiere e i tappetini con logo speciale.

Audi R8 Green Hell

Possente motore V10 5.2 FSI da 620 CV

La base tecnica dell’edizione limitata Audi R8 green hell è costituita da Audi R8 Coupé V10 performance. Il possente V10 5.2 FSI a collocazione centrale è caratterizzato da una risposta immediata alla minima pressione dell’acceleratore, una “fame di giri” sconosciuta ai propulsori turbocompressi e un sound unico.

Con i suoi 620 CV permette alla supercar dei quattro anelli di scattare da 0 a 100 km/h in 3,1 secondi e raggiungere una velocità massima di 331 km/h, complice la trasmissione a doppia frizione S tronic a 7 rapporti.

A queste prestazioni contribuiscono la trazione integrale quattro con frizione a lamelle ad azionamento elettroidraulico e gestione elettronica, in grado di distribuire in modo totalmente variabile la coppia tra avantreno e retrotreno, e il differenziale autobloccante meccanico posteriore.

La scocca Audi Space Frame in alluminio e materiale plastico rinforzato con fibra di carbonio pesa solamente 200 kg, mentre il sottoscocca, incluso l’albero di trasmissione, è pressoché integralmente carenato. Una caratteristica che, in abbinamento al generoso estrattore, favorisce la pulizia dei flussi e l’effetto suolo, a vantaggio della deportanza. Allo schema delle sospensioni a triangoli sovrapposti, tipico delle vetture da competizione, si accompagnano i freni carboceramici e il sistema di gestione della dinamica di marcia Audi drive select, alle cui modalità standard (auto, comfort, dynamic e individual) si aggiungono i programmi "dry", "wet" e "snow" che influiscono sulla taratura del controllo elettronico della stabilità ESC.