Stéphane Peterhansel

Stéphane Peterhansel

La trazione elettrica è puro piacere di guida.

Stéphane Peterhansel entra nel team Audi a bordo del prototipo elettrico Audi RS Q e-tron nel rally di Dakar 2022.

Dal 1988 il belga partecipa al rally raid più impegnativo al mondo vantando un eccezionale record: 14 vittorie.

Quest'anno, il progetto Dakar 2022 è totalmente inedito per la Casa dei quattro anelli: costituiscono una novità il terreno affrontato, il sistema di trazione e il telaio appositamente progettato. Tutte sfide che Peterhansel dovrà affrontare nell'Empty Quarter, il più grande deserto di sabbia del mondo, al volante di Audi RS Q e-tron, presentato al Festival dello Sport di Trento in anteprima per l'Italia.

.

Dagli anni ’80, Audi è stata sempre fedele alla propria filosofia di sviluppare nelle competizioni le tecnologie più innovative da trasferire alle future vetture di serie. Il Brand quattro anelli è stata la prima Casa automobilistica a vincere con un modello a propulsione ibrida.

Il pilota belga ha assistito a molteplici sviluppi tecnici e appoggia completamente il carattere innovativo del prototipo elettrico Audi RS Q e-tron con range extender. Da grande fan dei rally raid, segue anche altre discipline in ambito Motorsport.

Secondo Peterhansel, la trazione elettrica conquisterà un pubblico sempre più vasto, anche nell’utilizzo quotidiano. Audi RS Q e-tron può contare su di una prontezza d’erogazione eccezionale, superiore a qualsiasi auto con motore termico. In aggiunta, non essendo presente alcun cambio e non dovendo innestare i rapporti, ci si può concentrare totalmente sulla guida.

In virtù delle precedenti esperienze nell’endurance e in Formula E, Audi ha una spiccata familiarità con la trazione elettrica. In abitacolo, ogni pilota deve sentirsi a proprio agio al 100%. Al di là dei dettagli, l’imput principale è di non concentrarsi sul limare il decimo di secondo a chilometro, bensì puntare alla massima affidabilità del veicolo.

Peterhansel ha conquistato la maggior parte dei successi con Jean-Paul Cottret come navigatore. Ora il suo nuovo compagno è Edouard Boulanger con cui condivide una forte passione per il motorsport.

Pagine correlate