myAudi
e-tron GT

Il sound di Audi e-tron GT

Innovazione, maestria artigiana e innovazione nello sviluppo del sound.

2/24/2021

Audi e-tron GT, il nuovissimo modello targato quattro anelli, riflette la passione con la quale Audi sviluppa e realizza le proprie auto, sempre all’insegna della cura dei dettagli e dell’eccellenza nella realizzazione. Nella produzione della Gran Turismo elettrica presso l’Audi Böllinger Höfe, sito d’eccellenza nelle immediate vicinanze dello stabilimento tedesco di Neckarsulm, l’azienda unisce alle migliori tecnologie lavorazioni artigianali realizzate grazie a un sapiente lavoro manuale. Si tratta di una vettura concepita come un’opera d’arte in movimento, e per questo è accompagnata da un’esperienza acustica unica. La Casa dei quattro anelli, in questa ottica, ha composto per Audi e-tron GT un sound frutto di estro musicale e raffinate competenze tecniche.


La prima in Germania. Audi e-tron GT è la prima vettura elettrica targata quattro anelli costruita in Germania: la nuova Gran Turismo verrà prodotta infatti presso l’Audi Böllinger Höfe dalla fine del 2020. La factory, dedicata alle produzioni in piccola serie, è stata ampliata, potenziata e convertita per le nuove attività. Le competenze artigianali caratteristiche della precedente manifattura sono state mantenute e integrate da processi digitali e tecnologie avanguardistiche. Per il rinnovamento dello stabilimento, ad esempio, gli ingegneri di produzione sono ricorsi alla realtà virtuale per controllare diverse funzionalità, e per la prima volta nella storia Audi, la produzione di un’auto è stata concepita senza ricorrere a prototipi fisici.


Materiali eccellenti. La scocca di Audi e-tron GT è realizzata in acciaio ad alta resistenza e alluminio. Per destinare questo raffinato mix di materiali a una produzione di piccola serie è stato creato un reparto carrozzeria che coniuga maestria artigiana e produzione automatizzata. In questo è utilizzato il metodo “dual framer” che prevede che dieci robot assemblino i pannelli carrozzeria sia interni sia esterni, unificando le fasi di produzione e rendendo possibile la realizzazione di Audi e-tron GT all’interno delle strutture esistenti.


Verifiche “in linea”. Un’altra grande novità è rappresentata dalla verifica "in linea" della carrozzeria, all’insegna della precisione negli accoppiamenti e della rapidità di reazione in caso di scostamento dallo standard. Al temine dell’assemblaggio della scocca, la maestria artigiana degli specialisti Audi è protagonista nell’applicazione dei componenti aggiuntivi come portiere e passaruota e nella verifica delle finiture del corpo della vettura. Le linee dinamiche di Audi e-tron GT favoriscono standard qualitativi eccezionalmente elevati.


Aumento dei cicli di lavoro. La catena di montaggio, ampliata rispetto al passato, prevede trentasei cicli di lavoro anziché i precedenti sedici, in massima parte condivisi con la supercar Audi R8. L’integrazione in un’unica linea di due vetture differenti dal punto di vista tecnico costituisce un evento eccezionale per il Gruppo Volkswagen. I due modelli vengono movimentati dai medesimi carrelli senza conducente e da un’unica monorotaia elettrica sospesa. Nella stazione di lavoro dei cristalli, uomini e robot operano a stretto contatto, mentre una stampante 3D produce supporti di montaggio su misura, in funzione delle necessità e dei consigli dei collaboratori. A fine ciclo, ogni vettura percorre quaranta chilometri di rodaggio, inclusi tratti autostradali e di traffico urbano. “Con l’integrazione di Audi R8 e Audi e-tron GT in un’unica catena di montaggio, nell’Audi Böllinger Höfe si realizza una sinergia speciale tra la maestria artigiana e i principi della smart factory”, ha affermato il Direttore della Produzione Wolfgang Schanz.


E-sound: fiore all’occhiello di Audi e-tron GT. Audi e-tron GT rappresenta il massimo della passione Audi per il lavoro ben fatto. Ciò vale anche per il sound elettronico della nuova Gran Turismo, progettato dagli ingegneri Rudolf Halbmeir e Stephan Gsell al computer, in camera anecoica, a bordo dell’auto in movimento e confrontandosi con il gusto dei Clienti. Come ogni modello elettrico, anche Audi e-tron GT è dotata dell’avvisatore acustico - AVAS o Acustic Vehicle Alert System - che segnala i movimenti della vettura. Qualora il cliente opti per l’equipaggiamento e-tron sport sound, di serie per la variante RS, all’altoparlante nella zona anteriore dell’auto si aggiunge un secondo componente in corrispondenza del retrotreno. Inoltre, due altoparlanti all’interno dell’abitacolo garantiscono un’esperienza acustica emozionante. Il sound di Audi e-tron GT viene costantemente rielaborato da due centraline in base a variabili come la velocità e la posizione del pedale dell’acceleratore. Grazie al sistema di gestione della dinamica di marcia Audi drive select, il conducente può influire sull’intensità sonora.


Ottimizzare tempo e risorse con la realtà virtuale. Con l’ausilio di occhiali per la realtà virtuale e controller VR, gli ingegneri di produzione hanno verificato digitalmente tutti i processi di assemblaggio e logistici. Anche la pianificazione dell’afflusso della componentistica è avvenuta in modo virtuale. Audi ha poi sviluppato un proprio software VR: un progetto pionieristico all’interno del Gruppo Volkswagen. La base tecnica è costituita da scansioni a 360° che forniscono una mappa indoor tridimensionale dello spazio virtuale. Audi e-tron GT è la prima vettura del Gruppo per la quale è stato possibile rinunciare a un prototipo fisico per testare i processi di assemblaggio.

Occhio attento e mano sicura: l’importanza dei componenti aggiuntivi.

Al termine della linea d’assemblaggio della carrozzeria, la scocca raggiunge il reparto “componenti aggiuntivi”, dove esperti carrozzieri montano i passaruota, le portiere e il cofano. Marc Rickert, responsabile della stazione di lavoro, presta la massima attenzione alla regolarità delle luci, al rispetto certosino delle tolleranze e alla qualità delle finiture. Nella produzione di Audi e-tron GT nulla può sostituire la maestria artigiana, come si può dedurre dalla storia professionale di Rickert. Il responsabile della stazione di lavoro è infatti un falegname specializzato, entrato in Audi otto anni fa. “Quell’anno stava avvenendo il passaggio dalla prima alla seconda generazione di Audi R8 e l’Azienda era alla ricerca di rinforzi per il settore carrozzeria. Come falegname, ho un occhio molto attento e una buona sensibilità nel trattamento delle superfici. Del resto, non c’è molta differenza tra il metallo e il legno”.

Articoli correlati
e tron Hub home

E-tron Channel

e-tron Channel è la nuova sezione di myAudi, in cui troverai approfondimenti e contenuti sempre nuovi sul mondo dell'elettrico targato Audi.