myAudi
Schermata 2020 04 22 alle 10.43.14

I nuovi sedili di Audi A3

Il comfort è ancora più sostenibile.

4/21/2020

Dietro le quinte di un progetto ambizioso. La nuova Audi A3 ha una caratteristica peculiare: l’89% dei materiali dei suoi sedili è composto da plastica riciclata. Come è stato possibile raggiungere questo obiettivo? Ecco svelato il backstage di questa produzione all’insegna della sostenibilità grazie al punto di vista privilegiato di Ute Grönheim del dipartimento dello sviluppo dei materiali.

Parola chiave: eco-friendly. Per molti non è una novità il fatto che ormai diversi vestiti o accessori siano realizzati riciclando delle bottiglie di plastica. Oggi i materiali sostenibili hanno un ruolo importante anche in ambito produttivo e sono al centro delle innovazioni portate avanti da Audi. Il potenziale è enorme: un’auto, infatti, contiene circa 340 chilogrammi di plastica di cui circa la metà è già riciclabile. “Vogliamo produrre sedili resistenti e di alta qualità che superino tutti i nostri test, e vogliamo che siano sostenibili”, spiega Ute Grönheim, forte della sua laurea in design tessile. Ute è una delle menti che c’è dietro i sedili di nuova Audi A3.

Dalle bottiglie PET al filato: ordire, tagliare, fondere. Le compagnie che riciclano utilizzano solo le bottiglie chiare perché sono più semplici da tingere. Vengono tolti i coperchi e un sistema di lavaggio le pulisce, per poi essere triturate e ridotte in piccoli fiocchi. Questi pezzi sono poi utilizzati per creare un granulato per produrre tessuti in poliestere che diventeranno filato vero e proprio. “Questo granulato è essenzialmente lo stesso che è utilizzato per i sedili, con la differenza che questi sono fatti con PET riciclato”. Spiega Grönheim. Un’altra differenza: il granulato non è fresato e puro come quello prodotto industrialmente. “Questo può intasare gli ugelli nella produzione del filato. Inoltre, l’opacità è irregolare, così è meno assorbente e ha bisogno di maggior tintura,” continua Grönheim. Questo è il motivo per cui è in qualche modo più difficile e più costoso produrre filati in poliestere riciclato.

Dal filato ai sedili: la velocità dell’ordito è differente. Il filato per i sedili Audi arriva sulle bobine nella tradizionale fabbrica di stoffe Willy Schmitz a Mönchengladbach in Germania., dove viene processato e trasformato in tessuto. “Il disegno viene trasferito nel telaio tramite una penna USB, poi tutto procede in automatico”, spiega Britta Gebhardt, a guida del compartimento del design. Per il direttore di stabilimento Markus Bartsch non c’è differenza se il filato su cui stanno lavorando è un PET creato artificialmente o è riciclato.

L’esperienza e la sensibilità dell’”occhio clinico”. Dopo essere stato intrecciato, il tessuto sembra già ultimato. Ha un suo pattern e assomiglia completamente a una cover per sedili. Ma è ancora ben lontano dall’essere ultimato. Il tessuto deve passare ancora diversi controlli della qualità. Yvonne Peschmann evidenzia il più importante. L’esperta in riparazione dei tessuti sa cosa cercare. Con il suo occhio clinico, vede ogni parte in eccesso. Passa letteralmente le mani sopra al tessuto per sentire se ci sono parti in rilievo o dure. Ripara ogni piccolo difetto immediatamente con ago, filo e forbici e segna i più larghi. Controlla circa 200 metri di stoffa all’ora in questo modo.

Articoli correlati