Foto Ivrea (22)

La venticinquesima ora

La venticinquesima ora del giorno regalata dalla tecnologia

Il budget time degli italiani: come spendiamo il nostro tempo?


Gli automobilisti italiani trascorrono più di un’ora al giorno al volante per gli spostamenti quotidiani, principalmente per andare e tornare tra l’abitazione e il luogo di lavoro. Questa comune sensazione è confermata dai dati di Istat ed Eurostat, che indicano come una quota importante del tempo “speso” ogni giorno venga impiegato nei trasporti.

Strumenti di videoconferenza e dashboard di dati real time aiutano il lavoro di chi conduce un’azienda. Ma andare a visitare fornitori e clienti, ispezionare le diverse sedi o filiali, controllare cantieri, assicurarsi che il business stia procedendo come dovrebbe, sono tutte attività che hanno ancora bisogno della presenza fisica dell’imprenditore.

Ben presto però, grazie alle tecnologie di guida autonoma, durante gli spostamenti potremo recuperare i sessanta minuti che, mediamente, oggi trascorriamo al volante.

Avremo a disposizione quindi la venticinquesima ora del giorno, da dedicare alla famiglia, alla produttività o a noi stessi.

Audi è leader di questa trasformazione, guidando l’avvicinamento verso questo scenario con gli investimenti nelle tecnologie che già oggi permettono di creare prototipi di vetture completamente autonome, affidabili e sicure. Queste automobili, a causa della lenta adozione delle infrastrutture necessarie, non possono ancora circolare nella realtà degli spostamenti quotidiani, ma ben presto ci offriranno un futuro più rilassato e protetto.


Servizi dedicati alle imprese

Per scoprire le condizioni ed i servizi che Audi ha dedicato alle Aziende Associate, accedendo ad un canale di contatto preferenziale, La invitiamo a compilare il form di registrazione al link sottostante.


Sin d’ora, tuttavia, il focus della casa dei quattro anelli è sulla valorizzazione del concetto di personal freedom in modo concreto e tangibile, in un percorso di avvicinamento che anticipi il più possibile il paradigma della liberazione del tempo. Vetture sempre connesse diventano l’estensione dell’ufficio, ottimizzano i tempi, interagiscono con noi e con l’ecosistema urbano per rendere più veloce il percorso, comunicano tra loro per la nostra sicurezza, parcheggiano da sole e ci agevolano attivamente nella guida, nel traffico urbano come in autostrada.

Tutto il processo inizia con il design del prodotto e dell’esperienza a bordo, mettendo al centro i bisogni di chi sale sull’auto. La tecnologia entra nelle vetture per rendere più semplice, più sicura, più piacevole l’esperienza del viaggio. Non è ancora giunto il momento in cui sarà possibile disinteressarci completamente della guida, ma possiamo sin d’ora contare su numerosi dispositivi che aiutano a proteggere noi e chi ci sta attorno.

In un futuro che speriamo non remoto, tuttavia, avremo a disposizione un’ora quotidiana in più recuperata grazie ai trasporti. Se sommassimo insieme tutto questo tempo, in una carriera di 40 anni si libererebbero circa 420 giorni interi, notti comprese. Come se la vita si allungasse di più di un anno, restituendoci ventiquattr’ore al mese. Vista l’evoluzione della tecnologia, non dovrete aspettare poi molto: che sia la bicicletta oppure il golf, potrete finalmente avere il tempo per godervi la vostra passione.

Articoli correlati